IMPIANTO DI MESSA A TERRA CONDOMINIALE

da | Apr 21, 2022 | Amministrare il condominio, Amministratore, Domande & Risposte, Leggi e normative, Leggi Speciali

Ogni condomino può richiederne copia

Domanda: Dovendo rifare l’impianto elettrico del mio negozio sito al piano terra di un condominio, ho chiesto all’amministratore copia della dichiarazione di conformità dell’ impianto di terra in quanto ci siamo connessi all’impianto condominiale esistente. Mi è stato risposto che non c’è nessuna ragione e nessun obbligo che impone al Condominio di rilasciare la dichiarazione dei propri impianti agli utilizzatori. Premesso che le parti comuni del condominio sono soggette all’obbligo di progetto perché alimentate da un contatore trifase da 10 kW, dalle poche informazioni che sono riuscito a raccogliere sembra che ad oggi non ci sia nè il progetto, nè la dichiarazione di conformità, per le verifiche di terra, a cui è soggetto il Committente, cosa trasmetto all’ASL e all’INAIL? (C.P. Milano)

Risposta: Se il documento è disponibile il condomino ha il diritto di prenderne visione ed acquisirne copia. L’articolo 1130 del Codice Civile  al punto n°6 impone all’amministratore del condominio di: “curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unità immobiliare, nonché ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza delle parti comuni dell’edificio. 

Inoltre il secondo comma dell’art 1129  recita: Contestualmente all’accettazione della nomina e ad ogni rinnovo dell’incarico, l’amministratore comunica i propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale, o, se si tratta di società, anche la sede legale e la denominazione, il locale ove si trovano i registri di cui ai numeri 6) e 7) dell’articolo 1130, nonché i giorni e le ore in cui ogni interessato, previa richiesta all’amministratore, può prenderne gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso della spesa, copia da lui firmata.” Pertanto l’amministratore è obbligato a mostrale e fornire copia della documentazione esistente e qualora il condominio ne fosse sprovvisto dovrà attivarsi per regolarizzare gli impianti condominiali ai fini della sicurezza.

Umberto Anitori

Esperto nell’amministrazione di condomini, professione che svolge in Viterbo e a Roma da 40 anni. E’ docente incaricato nei corsi di formazione delle primarie associazioni di categoria e per gli enti di formazione. Consulente immobiliare per numerose aziende di primaria importanza. Già segretario nazionale dell’ANACI ha al suo attivo numerose pubblicazioni che riguardano la materia dei condomini e la loro amministrazione oltre alla partecipazione a programmi televisivi di approfondimento nelle reti Rai e Mediaset. Svolge oggi il ruolo di capo redattore della testata condominio.it coadiuvato da uno staff di legali, tecnici ed esperti del settore.