Amministratori, meglio non utilizzare il contante

da | Apr 14, 2022 | Amministrare il condominio, Amministratore, Leggi e normative, Leggi Speciali

Utilizzo di contanti, cosa si rischia.

Gli amministratori di condominio non dovrebbero avere grossi problemi in quanto già da anni ogni condominio dovrebbe avere il proprio conto corrente bancario o postale che sia, quindi facile documentarne la provenienza.

Veniamo alla norma la banca è obbligata ad inviare segnalazione all’UIF, Unità di Informazione Finanziaria, in caso di versamento in contanti superiori alla soglia di tracciabilità pari ad euro 2000  e nel caso per l’Agenzia tali somme se non opportunamente documentate sono considerate redditi imponibili. Meno problemi per quanto concerne i prelievi in quanto la soglia di tracciabilità ammonta a  10000 euro in un mese, e nel caso anche qui eventualmente deve essere documentata la spesa.

Credo che eventuali problemi per gli amministratori possono manifestarsi nei condomini con molte unità immobiliari dove i versamenti dei condomini si raggruppano in un solo giorno, ma non dovrebbe essere difficile dimostrare la provenienza delle somme. Qualche problema si presenta ancora in quei condomini gestiti da un amministratore interno che raccoglie i soldi casa per casa ed utilizza un proprio conto corrente per non gravare il condominio delle spese di tenuta del conto corrente. In questi casi ci permettiamo di consigliare e raccomandare a tutti gli interessati di utilizzare un conto intestato al condominio, e comunque di conservare la documentazione sia delle uscite che delle entrate perché l’Agenzia anche in forza delle norme antiriciclaggio può effettuare controlli sulle varie segnalazioni degli istituti bancari o delle Poste e nel caso di irregolarità le multe vanno da un minimo di 1000 euro ad un massimo di 50000euro

Umberto Anitori

Esperto nell’amministrazione di condomini, professione che svolge in Viterbo e a Roma da 40 anni. E’ docente incaricato nei corsi di formazione delle primarie associazioni di categoria e per gli enti di formazione. Consulente immobiliare per numerose aziende di primaria importanza. Già segretario nazionale dell’ANACI ha al suo attivo numerose pubblicazioni che riguardano la materia dei condomini e la loro amministrazione oltre alla partecipazione a programmi televisivi di approfondimento nelle reti Rai e Mediaset. Svolge oggi il ruolo di capo redattore della testata condominio.it coadiuvato da uno staff di legali, tecnici ed esperti del settore.