Impugnazione del rendiconto condominiale

da | Mar 5, 2021 | Amministrare il condominio

Il Codice Civile all’art. 1130, n. 7), prevede che l’amministratore di condominio tenga il registro di contabilità, dove si riportano in ordine cronologico, i singoli movimenti contabili in entrata e in uscita sul conto corrente condominiale, il tutto entro 30 giorni dalla data in cui è effettuata l’operazione.

L’articolo 1130 bis inoltre prevede che l’assemblea dei condomini possa indicare un revisore che verifichi la correttezza contabile delle voci, oppure può costituire un consiglio di condomini (tre nei condòmini con almeno dodici unità immobiliari) con la funzione di controllo sul bilancio.

Il registro di contabilità fa parte del rendiconto condominiale, si tratta di uno strumento che permette ai  condòmini di sapere come vengono spesi i soldi da parte dell’amministratore.

La giurisprudenza

Sul tema del registro di contabilità, importante è la sentenza del Tribunale di Imperia del 10 dicembre 2020, con la quale si determinano le caratteristiche che il registro deve avere per garantire la legittimità dello stesso:

  • non deve essere redatto con forme rigorose,
  • deve essere intellegibile per consentire ai condòmini di controllare le voci di entrata e di uscita;
  • deve essere redatto in base al “principio di cassa”;
  • l’amministratore deve inviare ad ogni condòmini l’elenco delle spese e i relativi documenti giustificativi, indicare le quote incassate dai condomini e quelle ancora da incassare.

Il bilancio approvato in assenza di un registro di contabilità è invalido e la relativa deliberazione assembleare può essere impugnata per chiederne l’annullabilità, in quanto si ha la violazione del diritto all’informazione.

Delibera condominiale impugnabile

Concludendo, l’amministratore di condominio è obbligato a tenere il registro di contabilità; il quale deve essere il più trasparente possibile per consentire ai condòmini di esercitare i propri diritti inerenti la situazione contabile condominiale.

Se non viene tenuto il registro della contabilità vi è la possibilità di revocare l’amministratore, lo stesso vale se il registro di contabilità viene tenuto con modalità tali da non rendere chiara la gestione contabile.

La delibera assembleare che approva il bilancio consuntivo è impugnabile dal singolo condòmino se il bilancio non è accompagnato da un registro di contabilità che consente al condòmino di conoscere in che modo sono stati spesi i propri soldi versati in favore dell’ente condominiale.

Redazione

La Redazione di Condominio.it è composta da giornalisti esperti nel settore, da professionisti e tecnici che operano da tempo nel campo dell'amministrazione e gestione dei condomini. Fanno parte inoltre del nostro Comitato di redazione docenti universitari, presidenti e membri dei direttivi delle associazioni di categoria, avvocati, ingegneri, geometri, agenti immobiliari e consulenti operanti nel settore immobiliare e tecnico.