La scelta della tipologia del contratto di locazione: 4+4 o transitorio?

da | Apr 30, 2020 | Amministratore, Immobiliare e... Dintorni, Locazioni

La Voce dei Condomini a cura della Dott.ssa Benedetta Bertoletti .

Spesso le scelte sulla ricerca della nuova casa nascono da situazioni nuove ed imprevedibili, altre volte da realtà che si sovrappongono l’una con l’altra e che rendono ancor più difficile la scelta non solo della nuova casa ma anche della durata del contratto stesso per la paura, legittima, di vincolarsi troppo nel tempo.

Situazioni lavorative, problemi familiari, spostamenti temporanei per salute o lavoro rendono a volte difficile sottoscrivere un impegno di anni da parte di un conduttore, ma nel contempo risulta di difficile accettazione quello di breve durata per il locatore, e la contrattazione diventa complicata.

Il caso di questa settimana che desidero portare alla Vostra attenzione, e per il quale mi è stata chiesta consulenza è quello di una insegnante di scuola secondaria superiore, spesso soggetta come tanti a trasferimenti lavorativi, già residente a Legnano (Mi) ma con necessità di trovare un nuovo alloggio in locazione nello stesso comune dove risiede (MI) a seguito purtroppo di separazione consensuale in corso.

La signora tuttavia non intende sottoscrivere un contratto 4+4 in quanto lo considera “eccessivamente impegnativo” vincolarsi per lungo periodo, anche nella prospettiva di acquistare una nuova casa una volta ricevuta l’omologa di separazione, preferendo invece quello “temporaneo” o meglio, transitorio.

Nel contempo i potenziali locatori selezionati mostrano non poche perplessità nel valutare la possibilità di locare l’immobile con contratto di breve durata, temendo oltre al mancato pagamento del canone e delle spese accessorie per la situazione di natura personale, anche un eventuale rilascio dell’immobile anticipata e con poco preavviso, causando un eventuale danno per periodo di vacatio locativa.

L’altro dubbio sorto è quello inerente all’eventuale stipula di un nuovo contratto ad uso transitorio dopo la scadenza.

Devo dare disdetta alla scadenza?

E se volessi invece rinnovarlo, è possibile sottoscriverne uno nuovo?

Ci sono dei requisiti? E’ammesso?

Ecco le risposte dei nostri esperti del settore.

Il parere dell’esperta*

La fattispecie esposta rientra tra i casi in cui è possibile sottoscrivere un contratto di locazione ad uso transitorio:
infatti, pur avendo l’interessata la propria residenza nello stesso Comune nel quale si trova l’immobile di suo interesse, ella si trova nella situazione di separazione dal proprio coniuge, circostanza che emerge tra i requisiti che giustificano la stipula di un contratto ad uso transitorio, rientrando così nella necessità temporanea.
In sintesi, sicuramente in questo caso il transitorio soddisfa un’esigenza di questo tipo, ed è quindi corretto utilizzare un contratto con una durata più breve – quindi transitoria – rispetto ai classici contratti residenziali del 4+4.
Alla scadenza del contratto, esso non si rinnova, cessa a tutti gli effetti e la locazione si ritiene conclusa, senza bisogno di alcuna comunicazione né dalla parte del locatore, né dalla parte del conduttore. 
Nel caso in cui le parti desiderassero procedere a stipularne uno nuovo, dovranno tassativamente indicare sia tramite raccomandata A/r o pec, o scrittura privata con data certa, che continuano a sussistere i requisiti di natura transitoria già indicati nel precedente contratto. Ciò consente la stipula di un nuovo accordo, senza il quale sarebbe inefficace e quindi nullo, causando la conversione automatica in contratto 4+4.


*dott.ssa Benedetta Bertoletti

Redazione

La Redazione di Condominio.it è composta da giornalisti esperti nel settore, da professionisti e tecnici che operano da tempo nel campo dell'amministrazione e gestione dei condomini. Fanno parte inoltre del nostro Comitato di redazione docenti universitari, presidenti e membri dei direttivi delle associazioni di categoria, avvocati, ingegneri, geometri, agenti immobiliari e consulenti operanti nel settore immobiliare e tecnico.