Posti auto in condominio – Ultima Parte

da | Apr 25, 2018 | Amministrare il condominio, Amministratore, Codice Civile, Leggi e normative

La Corte d’Appello, in secondo grado, rigettava la domanda dell’attore, sulla base di altre motivazioni, in quanto si ritenne che l’articolo 41 sexies, determinasse la nullità parziale del contratto di compravendita con cui il costruttore / venditore, si era assicurato la proprietà esclusiva delle aree destinate a parcheggio.

Si trattava di nullità parziale, con sostituzione automatica e integrazione ope legis a fronte di quanto previsto dagli articoli 1418 e 1419 codice civile.

Secondo i giudici d’Appello, la delibera assembleare si limitava ad assegnare i posti auto, prescindendo dalla qualificazione del diritto.

La decisione della Cassazione

La Suprema Corte di Cassazione, stabiliva infine che l’articolo 41 sexies, è una norma imperativa e inderogabile, di natura pubblicistica e con ripercussioni in ambito privatistico.

La norma in esame è da qualificarsi come imperativa ed inderogabile, di natura pubblicistica e con delle inevitabili ripercussioni in ambito privatistico.

Detta norma prevede in capo ad ogni singolo condomino un diritto reale di uso, di godimento dello spazio destinato al parcheggio nella misura e secondo i parametri predeterminati dalla stessa legge al momento in cui è stata realizzata la costruzione.

Se il diritto non viene riconosciuto perché il contratto di compravendita dell’unità immobiliare prevede la proprietà esclusiva del suolo in capo all’alienante, è affetto da nullità parziale e integrabile ope legis.

Infatti, il diritto è riconosciuto ai condomini sulla base dei singoli titoli di acquisto.

Solo i singoli condomini potranno dunque agire giudizialmente per la dichiarazione di nullità parziale della compravendita e, con il conseguente riconoscimento della titolarità del relativo diritto.

La titolarità del diritto dunque non riguarda il condominio, che con la delibera assembleare di assegnazione dei posti auto, ha disposto di un diritto individuale di proprietà di un solo condomino.

La delibera è nulla, e l’illegittima privazione del diritto d’uso dell’area pertinenziale potrà essere fatta valere giudizialmente solo dai singoli proprietari delle unità immobiliari, unicamente ai quali è riconosciuta la legittimazione ad agire.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Redazione

La Redazione di Condominio.it è composta da giornalisti esperti nel settore, da professionisti e tecnici che operano da tempo nel campo dell'amministrazione e gestione dei condomini. Fanno parte inoltre del nostro Comitato di redazione docenti universitari, presidenti e membri dei direttivi delle associazioni di categoria, avvocati, ingegneri, geometri, agenti immobiliari e consulenti operanti nel settore immobiliare e tecnico.