Fumare in condominio è vietato – Seconda Parte

da | Dic 18, 2017 | Amministrare il condominio, Amministratore, Leggi e normative, Leggi Speciali

Amministratore responsabile per il divieto di fumo

E’ compito dell’amministratore fare rispettare il divieto di fumo in condominio, come previsto  dall’accordo Stato-Regioni del 16 Dicembre 2004, intervenuto per attuare l’articolo 51, comma 7, della legge 3/2003.

Tale articolo prevede che “i dirigenti preposti alle strutture amministrative e di servizio di locali di pubbliche amministrazioni, aziende e agenzie pubbliche o di privati esercenti servizi pubblici, ovvero i responsabili di strutture private, fanno predisporre ed apporre i cartelli di divieto completi delle suddette indicazioni nei locali in cui vige il divieto“.

Cosa deve fare l’amministratore per il rispetto del divieto?

L’amministratore, dovrà predisporre la segnaletica antifumo necessaria, e vigilare sul rispetto delle norme, pena la sua responsabilità e il pagamento delle correlate sanzioni pecuniarie.

Anche gli altri condomini e i frequentatori dell’immobile, potranno effettuare richiami verbali nei confronti dei trasgressori e procedere, in caso di inosservanza del divieto e del richiamo, con segnalazioni delle violazioni, alle autorità competenti.

I singoli condomini possono però fumare all’interno delle proprie abitazioni e della loro proprietà (balconi, giardini, terrazze).

L’orientamento giurisprudenziale della Cassazione

La Corte di Cassazione, sentenza n. 7875 del 2009, ha  comunque considerato come immissioni moleste di fumo di sigaretta gli effetti, fastidiosi e dannosi per la salute, del fumo passivo provocati da un gruppo di individui, seppur limitato.

Le immissioni moleste e il getto di cose pericolose

Nel caso affrontato dalla Cassazione, le immissioni ritenute moleste erano quelle provenienti dal bar posto al piano terra che aveva danneggiato il residente al primo piano del condominio. La Cassazione confermava il risarcimento di 10mila euro al condomino danneggiato.

Concludendo, è opportuno sottolineare che i mozziconi di sigaretta devono essere smaltiti in sicurezza, e non lanciati sul balcone, in quanto può configurarsi il reato di “getto pericoloso di cose“, punito con l’arresto fino a un mese o l’ammenda fino a 206 euro.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

 

Redazione

La Redazione di Condominio.it è composta da giornalisti esperti nel settore, da professionisti e tecnici che operano da tempo nel campo dell'amministrazione e gestione dei condomini. Fanno parte inoltre del nostro Comitato di redazione docenti universitari, presidenti e membri dei direttivi delle associazioni di categoria, avvocati, ingegneri, geometri, agenti immobiliari e consulenti operanti nel settore immobiliare e tecnico.