Distanze legali in condominio, devono essere sempre rispettate

da | Apr 12, 2017 | Amministrare il condominio, Codice Civile, Leggi e normative

Distanze legali in condominio, vanno sempre rispettate nonostante le barriere architettoniche

In condominio, il tema delle distanze legali è molto delicato, in quanto non ammettono eccezioni, e non si possono violare, neanche in caso di realizzazione di un nuovo ascensore, che abbia lo scopo di abbattere le barriere architettoniche a favore di inquilini disabili.

La Cassazione, con sentenza n. 20010 del 2012, ha sancito che, in materia di distanze legali, eventuali deroghe alle norme di riferimento, non possono essere ammesse, neanche nel caso in cui l’opera (ascensore), sia costruita al fine di favorire l’accesso nella propria abitazione da parte di una persona disabile (condomino), in quanto, prevale la necessità di rispettare le distanze legali.

Per cui, la realizzazione di un ascensore  che rispetti una misura regolamentare dal confine, ma sia inserito in un edificio condominiale, che a sua volta, non rispetta le previsioni del codice civile in materia, comporta una violazione delle distanze legali tra le diverse costruzioni.

La decisione dei  giudici di merito e della Cassazione

I giudici del primo e secondo grado, respinsero la domanda di arretramento della costruzione (ascensore), motivando la loro decisione, sulla base del fatto che l’ascensore doveva essere inteso come un elemento autonomo e distinto dal resto costruzione (edificio) in cui era inserito.

Per tale ragione era pienamente legittimo, trovandosi a distanza superiore a quella legale.

La Cassazione invece, ribaltò  la decisione in tal senso, e per determinare se le distanze legali fossero state o meno rispettate, bisognava considerare solo ed esclusivamente il corpo ascensore e i pianerottoli di sbarco e di collegamento; e i giudici di merito non avevano “argomentato sulla non conformità normativa della restante parte del fabbricato che contiene l’ascensore e che giustifica l’intero intervento, non riconducibile pertanto a quelli diretti a eliminare le barriere architettoniche“.

© condominio.it – tutti i diritti riservati

Redazione

La Redazione di Condominio.it è composta da giornalisti esperti nel settore, da professionisti e tecnici che operano da tempo nel campo dell'amministrazione e gestione dei condomini. Fanno parte inoltre del nostro Comitato di redazione docenti universitari, presidenti e membri dei direttivi delle associazioni di categoria, avvocati, ingegneri, geometri, agenti immobiliari e consulenti operanti nel settore immobiliare e tecnico.