Distanza tra fabbricati: quando deve essere di 10 metri?

da | Dic 23, 2015 | Amministrare il condominio, Amministratore, Immobiliare e... Dintorni, Leggi e normative, Leggi Speciali

Le distanze di sicurezza tra fabbricati di nuova costruzione (o ristrutturati) ed esistenti sono regolamentate, principalmente, dal Decreto Ministeriale n. 1444/1968, art. 9, che prevede diverse misure a seconda della zona urbanistica in cui ci si trova. I Comuni hanno poi la facoltà di modificare, in maniera più restrittiva, le disposizioni generali. Uno dei casi più frequenti è quello che riguarda la distanza tra fabbricati isolati con pareti finestrate posti al di fuori del centro storico, che di norma è pari a 10 metri (o all’altezza dell’edificio più alto). Di recente, una sentenza del Consiglio di Stato ha fatto chiarezza sul concetto di parete finestrata, elemento determinante per l’applicazione del dispositivo di legge.

Redazione

La Redazione di Condominio.it è composta da giornalisti esperti nel settore, da professionisti e tecnici che operano da tempo nel campo dell'amministrazione e gestione dei condomini. Fanno parte inoltre del nostro Comitato di redazione docenti universitari, presidenti e membri dei direttivi delle associazioni di categoria, avvocati, ingegneri, geometri, agenti immobiliari e consulenti operanti nel settore immobiliare e tecnico.