Tabelle millesimali riscaldamento

da | Mar 16, 2012 | Amministrare il condominio, Leggi Regionali

Domanda di un lettore

Salve, sto addentrandomi nell’interpretazione del calcolo della Legge 10/91 che è stata effettuata da un tecnico nel condominio dove abito. E’ possibile avere della documentazione che mi faccia capire il criterio di calcolo e ripartizione delle tabelle del riscaldamento?Mi trovo in una strana situazione dove al mio appartamento che consta di 2 camere da letto ne sono state attribuite 3.Per quello che capisco potrebbe già essere stato commesso un errore grossolano alla partenza dei conteggi?
Avrei bisogno di chiarezza per capire se posso chiedere una revisione della tabella come da art 69 delle DA del Codice civile e successivamente, capendo, come muovermi. So che l’argomento non è di facile interpretazione … ma nel caso possiate aiutarmi ve ne sarei molto grata.

Risposta dell’esperto

Premesso che non capisco per quale motivo in applicazione della legge 10/91 sia nata la necessità di modificare le tabelle millesimali, cosa che la legge non prevede. Data per scontata la necissità di rivedere la tabella di riscaldamento posso confermare che per stilare la tabella di riscaldamento è consuetudine utilizzare al 50% la tabella di proprietà ed al 50% a superfice radiante dei vari radiatori. In mancanza dei millesimi di proprietà si possono utilizzare indipendentemente la superficie o il volume riscaldati per calcolare il primo 50%.
Comunque può acquistare qualsiasi testo di Estimo per addentrarsi nei criteri di elaborazione delle tabelle millesimali.
Le premetto che se chiama mille tecnici ad elaborare la stessa tabella avrà 1000 tabelle diverse in quanto molte coefficienti sono lasciati alla valutazione personale del tecnico.

 

Redazione

La Redazione di Condominio.it è composta da giornalisti esperti nel settore, da professionisti e tecnici che operano da tempo nel campo dell'amministrazione e gestione dei condomini. Fanno parte inoltre del nostro Comitato di redazione docenti universitari, presidenti e membri dei direttivi delle associazioni di categoria, avvocati, ingegneri, geometri, agenti immobiliari e consulenti operanti nel settore immobiliare e tecnico.