Il Po di Gaiba ed i suoi fabbricati golenali

da | Ott 26, 2009 | Immobiliare e... Dintorni

Fascino, storia ed impresa a ridosso dell’argine del po

Ville storiche, oratorio, case e corti agricole

Dall’Adige passiamo all’altro grande fiume di Rovigo, il Po. A Gaiba percorrendo via Eridania si incontra all’incrocio con via Roma Villa Fiaschi Franceschini (foto 1 – foto 2 particolare della facciata – foto 3)  che ti spinge verso l’argine del Po nei pressi dell’attracco fluviale. Qui il territorio ha saputo convivere tra l’esigenza di sfruttamento dei volumi a ridosso del grande fiume e la necessità di creare impresa. Un bellissimo esempio di questo connubbio ci viene dato dall’ex Corte le Caselle che ospita oggi il noto ristorante Bonello, proprio sotto l’argine (foto 5 – foto 6 – foto 7 – foto 8 – foto 10). In questo tratto il Po è maestoso, carico di vegetazione golenale e di fascino ( foto 11 – foto 12 – foto 13 – foto 15 – foto 16 ). La strada arginale è asfaltata e percorsa da molti amanti della bicicletta e del vivere all’aperto. Le testimonianze di volumi dismessi ed inutilizzati sono evidenti (foto 18) probabilmente a causa degli elevati costi di sistemazione  e dei vincoli urbanistici che oggi governano le ristrutturazioni dei fabbricati vicini ai corsi d’acqua. Si immagini che solo per ristrutturare un fabbricato rurale servono almeno mille euro al metro, ai quali vanno aggiunti il costo per l’acquisto “del volume” e dell’area doi pertinenza. Percorrendo la strada arginale che da gaiba va verso Zampine di Stienta ecco la golena con i “suoi tesori”. Il primo è l’Oratorio di San Carlo Borromeo (foto 19 – foto 20 – foto 21)  in località Bonelli di Gaiba edificio di culto realizzato nel XVII secolo ed oggi in pessime condizioni. A ridosso della chiesetta due esempi  tipici di fabbricati rurali da recuperare. Il primo un classico rustico a due piani fuori terra ( foto 22 – foto 23) con stalla in parte crollata, caminetto esterno a caratterizzarne la facciata ed ingresso centrale. Il secondo un agglomerato rurale composto dal fabbricato ad uso abitativo e i vari annessi a servizio (foto 24 – foto 25 – foto 26 e foto 27). Lasciando Gaiba, direzione Badia Polesine, percorrendo via Maffei all’incocio con via Cavo Bentivoglio in Comune di Bagnolo di Po si incontra una corte rurale con fabbricati da recuperare (foto 28 – foto 29 – foto 30) di grandi volumi e superficie terriera a disposizione.

clicca qui per vedere archivio foto

Dott. Paolo Bellini

Redazione

La Redazione di Condominio.it è composta da giornalisti esperti nel settore, da professionisti e tecnici che operano da tempo nel campo dell'amministrazione e gestione dei condomini. Fanno parte inoltre del nostro Comitato di redazione docenti universitari, presidenti e membri dei direttivi delle associazioni di categoria, avvocati, ingegneri, geometri, agenti immobiliari e consulenti operanti nel settore immobiliare e tecnico.